MENU

Il Software IDE di Arduino

Samsung presenta : il primo smartphone con 4 fotocamere

ottobre 10, 2018 Commenti (0) Ingegneria Informatica, News Tempo di Lettura: 5'

Pixel 3 è finalmente arrivato

Un nuovo assistente virtuale per la casa dotato di schermo, un tablet che è un po’ anche un computer ed infine il terzo “aggiornamento” per la serie Pixel: tutti gli annunci fatti oggi dal colosso di Mountain View.

Google Home Hub

Si parte con Google Home Hub, un dispositivo dotato di schermo e di Google Assistant, l’assistente virtuale di Google. Capace di riprodurre musica e video, di rispondere a domande, di fissare appuntamenti e molto altro, si tratta del primo smart-display prodotto in casa Google. Monta un display da 7 pollici, dotato di una tecnologia chiamata Ambient EQ, capace di adattare la resa cromatica dello schermo in base alle luci della stanza. Sarà disponibile da 22 ottobre negli USA, negli UK e in  Australia ad un prezzo di 149 dollari.

Pixel Slate

Si passa poi al Pixel Slate, il nuovo tablet prodotto da Google con Chrome OS. Già altri produttori avevano lanciato tablet con questo sistema operativo, tra cui Google stessa con il Pixel C, ma con questo prodotto l’azienda di Mountain View punta a competere in prima linea con l’iPad Pro della Apple e il Surface Pro della Microsoft. Si segna inoltre una discontinuità da parte di Google nei confronti dei tablet Android, su cui solo grosse case come Samsung ed Huawei stanno ancora investendo seriamente.

Il dispositivo è dotato di uno schermo da 12.3 pollici con una risoluzione 2000×3000, 6 milioni di pixel per una densità di 293ppi. Monta inoltre una nuova tecnologia, detta “Molecular Display”, dove i pixel sono fatti da silicio policristallino a bassa temperatura (LTPS in inglese). Nonostante rimanga un pannello LCD, questo si traduce in una maggiore efficienza energetica, una maggiore responsività e colori più brillanti.

La cornice è sottile ed ospita due speaker stereo, per un’esperienza sonora immersiva. Il tablet è dotato di due porte USB-C, entrambe abilitate alla carica del dispositivo. Probabilmente, però, una delle due porte sarà occupata per la maggior parte del tempo dalle cuffie: manca infatti il jack audio da 3.5mm. Questa mancanza è in parte compensata da un adattatore incluso nella confezione e dal lancio di un nuovo paio di cuffie interne USB-C, disponibili separatamente a 30 dollari.

Sia la fotocamera posteriore che quella frontale sono da 8MP, con la frontale ottimizzata sia per le videochiamate che per condizioni di bassa luminosità. Il dispositivo è disponibile con diverse opzioni sia per il processore (Intel Celeron, m3, i5 o i7, tutti di ottava generazione), che per la RAM (4, 8 o 16 GB) che per la memoria interna (32,64, 128 o 256 GB).

A completare il quadro, venduti separatamente, sono la tastiera Slate Keyboard (199 dollari) e la Pixelbook Pen (99 dollari). La prima permette di usare il tablet in maniera più simile ad un laptop tradizionale, mentre la seconda permette di usufruire dell’ottimizzazione di Chrome OS per la penna.

Pixel 3 e Pixel 3 XL

Infine, l’annuncio principale dell’evento: Pixel 3Pixel 3 XL. Prima differenza principale rispetto al modello dello scorso anno: il pannello posteriore è ora di vetro e sarà possibile usufruire della ricarica wireless. Proprio per questo motivo Google ha lanciato anche, acquistabile separatamente, il Pixel Stand a 79 dollari.

Il display di Pixel 3, OLED da 5 pollici FHD+, è molto simile nella forma a quello di Pixel 2. Pixel 3 XL, invece, abbraccia, sul suo schermo OLED da 6.3 pollici QHD+, il trend del 2018: un notch. Notch che ospita due fotocamere frontali, di cui una ad apertura ampia. La fotocamera posteriore è ancora da 12.2M e singola, con miglioramenti per lo più dal lato software. Tra le novità abbiamo la modalità “Top Shot”, che seleziona la foto migliore tra una sequenza di scatti consecutivi, e la modalità “Super Res Zoom”, dove il normale zoom digitale è migliorato da una serie di scatti multipli e l’intervento di una AI.

Entrambi i telefono hanno installato nativamente Android 9.0 Pie e hanno di default un’interfaccia basata sulle gesture, invece che sui tradizionali pulsanti di navigazione Android. Entrambi i dispositivi monteranno un processore Snapdragon 845 (lo stesso di Samsung Galaxy s9 e di Xiaomi Mi8) e 4GB di RAM. Pixel 3 sarà disponibile con 64GB o 128GB, rispettivamente a 899 euro e 999 euro. Pixel 3 invece, con le stesse opzioni di memoria, sarà venduto a 999 euro e 1099 euro.

Fonti:

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: EEEH?! VOLEVI!