MENU

Il Golden Gate Bridge

COP24 – La conferenza mondiale sul clima

Dicembre 16, 2018 Commenti (0) Ingegneria, Ingegneria Aerospaziale, News Tempo di Lettura: 5'

SpaceShipTwo: l’inizio del turismo spaziale

Il 13 Dicembre 2018 SpaceShipTwo, spazioplano prodotto dalla Virgin Galactic, ha raggiunto quota 80km dalla superficie terrestre, che la rende ufficialmente il primo volo suborbitale avvenuto con successo destinato al turismo spaziale della storia. Ripercorriamo insieme il percorso di questa società.

 

Virgin Galactic, le origini

Fondata nel 2004 dal miliardario britannico Richard Branson, proprietario della famosa Virgin Group Ltd, la Virgin Galactic si pone come obiettivo di offrire voli suborbitali a prezzi commerciali. Nella pratica intendono realizzare veivoli, definiti spazioplani, in grado di volare ad 80/100km dalla superficie terrestre, ovvero alla quota che viene per convenzione associata all’inizio dello Spazio, cosi da dare inizio al turismo spaziale. Pare infatti che le richieste pervenute alla società siano già un numero abbastanza elevato nonostante i prezzi esorbitanti dei biglietti (circa 225.000 euro a posto). L’obiettivo ultimo è di arrivare ad offrire circa 500 posti l’anno ad un costo di poco inferiore ai 200.000 euro l’uno.

richard-branson-ensight-blog.

Richard Branson al momento dello sgancio dello Space Ship Two dal modulo madre

I Primi Test

Nonostante Richard Branson abbia promesso il primo volo entro il 2009, si è riusciti solo ora, dopo circa 16 anni dall’inizio del progetto, ad eseguirne uno con successo. Dopo l’inaugurazione del primo spazioporto della storia nel Nuovo Messico (Stati Uniti) chiamato “Spaceport America”,  i primi test di volo senza equipaggio avvennero nel 2010, con il raggiungimento della quota di 51km e un tempo totale di volo di 5 ore atto a testare l’avionica  e i sistemi di bordo del veivolo. Nei successivi voli, sempre con lo spazioplano vincolato all’aereo madre, si aggiunse l’equipaggio. Di seguito tutti i voli effettuati fino al 31 ottobre 2014:

 

Voli prova SpaceShipTwo
Volo Data Durata Altitudine Velocità massima Pilota / co-pilota
?? / PF04 31 ottobre 2014 cedimento strutturale Siebold / Alsbury
?? / GF31 7 ottobre 2014 Siebold / Sturckow
?? / GF30 28 agosto 2014 Siebold / Alsbury
?? / GF29 29 luglio 2014 Masucci / Siebold
149 / GF28 17 gennaio 2014 14 min, 12 s Siebold / Sturckow
147 / PF03 10 gennaio 2014 12 min, 43 s 22 000 m Mach 1,4 Mackay / Stucky
141 / GF27 11 dicembre 2013. 11 min Stucky / Masucci
132 / PF02 5 settembre 2013 14 min 21 000 m Mach 1,43 Stucky / Nichols
131 / GF26 8 agosto 2013 10 min Stucky / Mackay
130 / GF25 25 luglio 2013 11 min, 52 s Stucky / Mackay
115 / PF01 29 aprile 2013 13 min 17 130 m Mach 1,22 Stucky / Alsbury
114 / CF01 12 aprile 2013 10 min, 48 s Stucky / Alsbury
113 / GF24 3 aprile 2013 9 min Stucky / Nichols
109 / GF23 19 dicembre 2012 13 min, 24 s Stucky / Alsbury
93 / GF22 11 agosto 2012 8 min, 2 s Stucky / Binnie
92 / GF21 7 agosto 2012 9 min, 52 s Siebold / Colmer
91 / GF20 2 agosto 2012 8 min Stucky / Nichols
90 / GF19 18 luglio 2012 10 min, 39 s Siebold / Nichols
88 / GF18 29 giugno 2012 13 min Stucky / Mackay
87 / GF17 26 giugno 2012 11 min, 22 s Siebold / Alsbury
73 / GF16 29 settembre 11 7 min 15 s Stucky / Nicols
68 / GF15 27 giugno 11 7 min 39 s Siebold / Binnie
67 / GF14 23 giugno 11 7 min 33 s Stucky / Nicols
66 / GF13 21 giugno 11 8 min 55 s Siebold / Nicols
65 / GF12 15 giugno 11 10 min 32 s Stucky / Nicols
64 / GF11 14 giugno 11 13 min 18 s Siebold / Shane
62 / (CC12) 9 giugno 11 N/A Volo programmato ma non eseguito Siebold / Shane
61 / GF10 25 maggio 11 10 min, 14 s più di 50 000 ft Stucky / Binnie
60 / GF09 19 maggio 11 11 min, 32 s Siebold / Binnie
59 / GF08 10 maggio 11 13 min, 2 s Stucky / Shane
58 / GF07 4 maggio 11 11 min, 5 s 51 500 ft 15 500 ft per min Siebold / Nichols
57 / GF06 27 aprile 11 16 min, 7 s Stucky / Alsbury
56 / GF05 22 aprile 11 14 min, 31 s Siebold / Shane
47 / GF04 13 gennaio 11 11 min, 34 s 250 kn EAS 3,8 g Stucky / Nichols
45 / GF03 17 novembre 10 11 min, 39 s 246 kn EAS 3,5 g Siebold / Nichols
44 / GF02 28 ottobre 10 10 min, 51 s 230 kn EAS 3 g Stucky / Alsbury
41 / GF01 10 ottobre 10 13 min 46 000 ft 180 kn EAS 2 g Siebold / Alsbury
GFxx=Volo planato (Glide Flight)
CCxx=Volo vincolato (Captive Carry)
CFxx=Volo con motore attivato ma senza combustione (Cold Flow Flight)
PFxx=Volo con motore acceso (Powered Flight)

 

Nell’ottobre del 2014 venne effettuato un volo con equipaggio, risultando però fallimentare, nonchè mortale per uno dei due piloti a bordo. In quell’occasione infatti, lo spazioplano esplose nei pressi del Deserto del Mojave, nel momento in cui vennero accesi i motori, subito dopo lo sgancio dall’aereo madre che lo trasportava.

 

Il raggiungimento degli 80km

Il 13 Dicembre 2018 lo SpaceShipTwo raggiunge finalmente gli 80km di quota, sfiorando lo spazio (il termine “sfiorare” non è usato a caso, per molti infatti la reale quota di inizio dello spazio sarebbe di poco superiore, sui circa 100km). Dopo lo sgancio dal modulo madre, che porta lo SpaceShipTwo a 13km di altezza, è entrato in gioco il motore a razzo ibrido di quest’ultimo che ha a sua volta permesso l’arrivo a quota 81,5km. A bordo dello spazioplano c’erano i due piloti Mark “Forger” Stucky e Frederick “CJ” Sturckow insieme ad alcuni esperimenti scientifici (tra cui uno della NASA sul controllo delle micropolveri). Di seguito il video della missione:

 

Fonti

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: EEEH?! VOLEVI!